Perù: “Our Amazon Frontline”

by • 28 maggio 2016 • Biennale di Venezia1255

Share

VENEZIA. Il fronte peruviano è immerso nella foresta amazzonica. Terre di contrasti (anche interpretativi), di letture divergenti, di emergenze ambientali. E di un’architettura che si propone come servizio a popolazioni indigene necessaria per continuare ad essere guardiane di questi luoghi. L’ingresso nel padiglione, al primo piano dell’Arsenale, è un’immersione nell’oscurità della selva attraverso un percorso ondulato realizzato con teli neri su cui compaiono visi di bambini, immagini d’animali e micro-ambienti come eterei colpi di flash.

Il secondo ambiente, pensato dai curatori Sandra Barclay e Jean Pierre Crousse, conduce al tema funzionale: sospesi alle travi in legno vecchi tavoli e sedie consumate sono l’emblema delle difficoltà del fare educazione. E allora l’ambiente principale del padiglione racconta un’innovativa esperienza pubblica che sta costruendo scuole in tutto il Perù.

«Plan Selva» progetta e costruisce moduli prefabbricati, facilmente trasportabili anche in aree non servite da strade, realizzati da un pavimento in legno che si distacca dal suolo attraverso piccoli plinti in cemento e una travatura metallica. Metallico è anche l’ampio tetto a falde capace di realizzare un ambiente interno che si adatta ad usi diversi e apre punti di vista sugli spazi circostanti. I muri sono invece flessibili, attrezzabili come arredi, pensati per favorire la ventilazione naturale. I moduli sono liberamente assemblabili ad assumere configurazioni diverse dello spazio aperto: una sorta di gioco proposto (insieme a modellini, foto, disegni e video) al centro dell’esposizione. Una scelta che conferisce una dimensione anche divertita e divertente ad un approccio che affronta la fragilità (ambientale e sociale) amazzonica con piccole architetture che, oltre a scuole, diventano centri ritrovati d’intere comunità.

 

Commissario: José Orrego Curatori: Sandra Barclay e Jean Pierre Crousse Espositori: Ministero dell’Istruzione Peruviano, “Progetto Plan Selva” Capo Progetto Elizabeth Añaños e con Claudia Flores, Sebastian Cilloniz, Jose Luis Villanueva, Miguel Chavez, Gino Fernandez, Alvaro Echevarria, Alfonso Orbegoso, Luis Miguel Hadzich, Carlos Tamayo Sede: Arsenale, Sale d’Armi


Pin It

3 Responses to Perù: “Our Amazon Frontline”

  1. […] per produrre coesione sociale e modelli alternativi di vita collettiva») e al «Plan Selva» del Perù che sicuramente non avrebbe sfigurato anche sul gradino più alto del podio («per avere portato […]

  2. […] via eccetera eccetera, funzionano: siamo pur sempre nell’epoca dell’immagine (Spagna, Perù, Brasile, Austria, […]