Panchine creative in giro per il mondo: ne avete mai vista una?

by • 26 Ottobre 2020 • Città e Territorio563

Share
Una ricognizione internazionale delle più originali sedute negli spazi pubblici, all’aperto o al chiuso

 

Vi è mai capitato di vedere o di sedervi su una panchina creativa da qualche parte del mondo? Quando parliamo di panchine creative non ci riferiamo solamente a quelle presenti lungo i viali alberati o lungo la strada, ma anche a quelle all’interno di edifici, quali centri commerciali e musei. In questo articolo vi vogliamo parlare delle panchine di design di tutto il mondo. E di panchine creative ce ne sono davvero molte; siamo abituati a vedere quelle classiche in ferro e quelle in ferro e legno, ma non sono le sole.

Utilizzando sempre gli stessi materiali, alcuni designer hanno creato vere e proprie opere d’arte ideali per far appoggiare la natiche di viandanti, far riposare le gambe di allegri passeggiatori, far fare merenda ai bambini, discutere con amici e persino fare scommesse online.

H2: panchine creative e di design, di che si tratta?

Chi viaggia spesso, sicuramente avrà incontrato panche in stile “urban” o di “street art” nel cuore di qualche capitale o grande città. Oppure, chi ama passeggiare in montagna avrà sicuramente notato come le panchine si integrino con l’ambiente grazie a materiali sostenibili e locali.

Per quanto riguarda le panche in montagna, generalmente hanno forme classiche o, al più, geometriche senza particolari caratteristiche mentre, per quanto riguarda le panchine urban, c’è qualcosa in più da dire.

Le panchine urban o di street art spesso sono peculiari e disegnate da qualche designer di spicco, sono costituite da materiali altrettanto ricercati ed hanno forme insolite. Un esempio è la panchina creativa a Kiev, in Ucraina: si tratta di una panca di legno sorretta da due mani giganti che escono dal terreno.

 

La panchina di Kiev non è la sola ad aver catturato l’interesse e lo sguardo di molti. Esistono altre panchine degne di nota come le tre “Blue Carpet” a Newcastle, in Inghilterra. Queste tre panchine si trovano in un’area pubblica di Newcastle, di fronte alla galleria d’arte Laing, e l’intento del designer che le ha create era quello di dare la sensazione che le panchine fossero del tessuto che estendeva il pavimento a forma di tappeto.

Nel Massachussetts hanno realizzato il “Creative Park Bench”, un parco con delle panchine creative coperte di legno, dove ci si può anche stendere, con dei pannelli solari nella parte superiore che portano corrente ed illuminazione all’interno della panchina stessa per ricaricare dispositivi portatili.

A Londra si trova la “Lion The Witch And The Wardrobe Book Bench”, una panchina a forma di libro aperto che, mediante dei dipinti, raffigura il leone ed una scena del romanzo fantasy per bambini Il leone, la strega e l’armadio.

A Marsiglia, in Francia, si possono trovare le utili e divertenti panchine con il cappello; si tratta di panchine in calcestruzzo alle quali sono state installate dei grandi cappelli coloratissimi, che arrivano sopra la testa di chi si siede, per proteggere le persone dal sole.

Un’altra panchina divertente è la “Shark Bench” a Bangkok; si tratta di una panchina azzurra con dietro a sé uno squalo molto realistico con la bocca aperta come per dare la sensazione che stia per mangiare chi sta seduto davanti.

Una panchina degna di nota ma non realizzata è la “Rolling Bench”, una vera panchina di design in tutti i sensi ideata da un designer sud coreano: una sorta di rotolo di carta igienica che, tramite una manopola laterale, permette di girare la base in cui ci si siede se essa è bagnata dall’acqua della pioggia (ideale per le città piovose e per i freddi periodi invernali).

Queste sono solo alcune delle panchine creative che hanno catturato la nostra attenzione. Voi ne avete mai incontrata una?

Se siete interessati alla Street Art, vi invitiamo a leggere l’articolo sul museo della Street Art.

Immagine di copertina: Henry & Co. on Unsplash

(Visited 148 times, 1 visits today)

Pin It

Comments are closed.