Alpewa per WonderLAD: dentro l’involucro c’è casa

by • 15 Gennaio 2020 • Progetti1841

Share
Il contributo dell’azienda leader nei rivestimenti per coperture e facciate al cantiere di una struttura di accoglienza per bambini malati a Catania

 

Nel progetto WonderLAD, concretizzatosi di recente in terra siciliana, c’è il determinante contributo di Alpewa, l’azienda di Bolzano leader nei sistemi di rivestimento per tetti e facciate in metallo e non solo. Forte di un’esperienza di oltre 70 anni nel mondo della lattoneria, Alpewa si è successivamente specializzata nel campo dei rivestimenti di coperture e facciata e, ad oggi, commercializza la più vasta gamma di prodotti per rivestimenti architettonici, con uno sguardo sempre attento nella scelta di materiali sostenibili e riciclabili.

A Catania, dal novembre 2019 è operativa una struttura di accoglienza per i bambini affetti da gravi malattie e per le loro famiglie, su progetto degli architetti Vittorio Frontini e Antonino Terrana. Commissionato dalla Onlus LAD (L’Albero dei Desideri), il complesso funziona da residenza diurna per bambini ammalati, puntando sull’architettura e sull’arte come strumenti terapeutici.

Per questo, il progetto intende dar forma ad uno spazio raccolto e conviviale, in grado di suscitare il ricordo di un ambiente domestico. Di qui, sia l’impostazione dell’impianto planimetrico a corte, aperto sull’esterno solo attraverso un varco, a simulare un ideale abbraccio; sia la sezione a capanna del fabbricato, a richiamare l’archetipo della casa. Tale scelta spiega anche la differenza di trattamento nell’immagine degli alzati: all’interno, fronti porticati e “porosi”; in copertura e all’esterno, invece, un involucro che, senza soluzione di continuità tra piani verticali ed inclinati, garantisce unitarietà al manufatto e configura una sorta di scocca protettiva.

In fase di redazione del definitivo, i progettisti hanno scelto il materiale che meglio interpretasse tale filosofia. La copertura e le facciate esterne – per una superficie totale di 3.600 mq – sono state completate con la posa di una lamiera di rivestimento in alluminio Prefa (azienda austriaca leader nei sistemi di rivestimento in alluminio) 0,70 mm (Prefalz ®), ancorata con un sistema a doppia aggraffatura su supporto continuo aerato predisposto. Una simile soluzione costruttiva ha permesso di fruire di un tetto ventilato, caratterizzato da una superficie dalla cromia chiara che riduce il surriscaldamento delle superfici e l’effetto isola di calore. Le principali problematiche affrontate in fase progettuale e realizzativa si sono presentate nella scelta del giusto dettaglio (colore e matericità) e nell’individuare il miglior elemento di raccordo e continuità formale che rendesse omogeneo il linguaggio tra copertura e facciate.

(Visited 363 times, 2 visits today)

Pin It

Comments are closed.