Visit Sponsor

Written by: Professione e Formazione

Restructura 2022: un vocabolario per la decarbonizzazione

Dal 17 al 19 novembre a Torino il salone delle filiere edili, tra convegni e buone pratiche

 

TORINO. La 34° edizione di Restructura, salone organizzato da GL events Italia nel Padiglione 3 di Lingotto Fiere, racchiude i protagonisti di edilizia, restauro e ristrutturazione, una filiera rappresentata qui da circa 150 espositori. A inaugurare la manifestazione, il 17 novembre, il convegno “Resilienza, decarbonizzazione, sufficienza energetica, economia circolare: il nuovo vocabolario della città sostenibile”: una riflessione sulle sfide delle città che, prigioniere di una densificazione crescente, sono motore della crisi ambientale e sociale, ma che per contro, attraverso un programma di urbanizzazione inclusiva e sostenibile possono diventare protagoniste della loro stessa rinascita. Sarà anche l’occasione per riflettere sulle corrispondenze tra comparti apparentemente lontani, ovvero su come l’edilizia del futuro, legata soprattutto alla filiera del legno e alla prefabbricazione, si debba orientare verso l’adozione di sistemi di analisi di costi e benefici, di progettazione e gestione orientata all’efficienza, normalmente utilizzati dall’automotive: ad esempio con l’utilizzo di processi per l’efficientamento produttivo come il DFM (Design for Manufacturing) e il DFA (Design for Assembly).

Proprio le buone pratiche in edilizia, restauro e ristrutturazione saranno il filo conduttore del salone, declinate in oltre 80 appuntamenti fra convegni e workshop (con crediti formativi) realizzati in collaborazione con Casaclima, Fondazione italiana per la Bioarchitettura, oltre a Home Health & Hi-Tech, progetto di comunicazione e formazione incentrato sul costruire e abitare sano. tra i principali temi trattati dal programma: la città sostenibile e smart (resilienza, decarbonizzazione, sufficienza energetica, recupero edilizio e rigenerazione territoriale in ottica Pnrr, relazioni tra il costruire e la mobilità), il nuovo abitare e le nuove tecnologie (Smart Building, rigenerare, riusare, restaurare, efficienza energetica sull’involucro edilizio, l’intelligenza artificiale per l’efficientamento energetico, la biofilia e le regole dell’abitare sano, rincari energetici effetti e ricadute nel condominio, efficientamento degli edifici, Physical Security dalla progettazione edili, all’AI e ai droni), la crisi energetica e il contributo di una casa moderna (sufficienza energetica, rincari energetici effetti e ricadute nel condominio, efficientamento degli edifici), l’acqua (dove va a finire quando piove, conoscere la risorsa idrica per un utilizzo su criteri di protezione ed efficienza), come conservare il patrimonio storico (la manutenzione e la conservazione programmata sull’edificato, processi di buona edilizia, stati generali dei restauratori di beni culturali), usare il legno (impianti rinnovabili: criticità e opportunità per la biomassa legnosa, legno per l’architettura). In particolare, per quanto concerne il restauro, si segnalano due appuntamenti: gli Stati generali dei restauratori di beni culturali, per la prima volta convocati al salone; la presentazione di “Main10ance”, programma triennale di cooperazione Interreg Italia Svizzera (realizzato da Confartigianato Imprese Piemonte Orientale in sinergia con le università piemontesi e gli enti territoriali) finalizzato alla definizione di un metodo di lavoro e di strumenti operativi per la definizione e attuazione di piani di conservazione programmata per il patrimonio culturale improntati sui principi della sostenibilità, con una visione a lungo termine degli interventi previsti e ottimizzando le risorse disponibili.

Il percorso espositivo parte da un’area esterna occupata da macchine da cantiere e prosegue all’interno del Padiglione 3 di Lingotto Fiere con aziende di produzione, alcune inserite anche nel report stilato dalla fondazione Symbola sulle imprese italiane più virtuose in termini di sostenibilità, come EXRG (Treviso), specializzata nella fornitura di tecnologie termotecniche. Oltre alla rappresentanza di aziende eccellenti piemontesi, tra cui ad esempio Nobili Rubinetterie (Novara), Cobola legnami (Cuneo), Geonovis (Vercelli), Artespazio (Torino), gli espositori di Restructura contano presenze rilevanti dal resto d’Italia come Monier (Bolzano), Belfiore (Vicenza), Ferri (Parma), Domodry (Milano) e l’elvetica Biodry.

Ingresso gratuito previo accredito

(Visited 102 times, 1 visits today)

Share

Tag


, ,
Last modified: 16 Novembre 2022