Milano, prove di scuola del futuro

by • 26 Giugno 2020 • Progetti3513

Share
Il nuovo polo scolastico di via Brocchi a Milano, firmato da ATIproject

 

Il progetto muove dall’idea di scuola quale nuovo riferimento culturale per la città, nonché orientamento per l’edilizia scolastica del futuro. Gli spazi esterni assumono un ruolo chiave nel progetto, ora vero e proprio parco urbano, ora motore distributivo dei volumi; da qui la costante ricerca di permeabilità fra interno ed esterno. Gli spazi interni sono concepiti come ambiti polifunzionali e flessibili, diversificando così l’offerta didattica e garantendo l’accesso anche in orario extrascolastico. Gli spazi comuni intendono infatti favorire l’aggregazione e le relazioni, mentre i moduli-aula flessibili debbono consentire agli insegnanti una molteplicità di soluzioni didattiche. L’edificio, che ne sostituisce uno precedente ora demolito, è stato progettato per raggiungere prestazioni energetiche elevate. L’utilizzo di legno e acciaio, inoltre, ha permesso di ridurre i tempi di costruzione.

Altro punto di forza progettuale è stata la ricerca di un inserimento organico della scuola nel contesto insediativo: il progetto del parco integra verde ed arredo con aree dedicate ad attività ludiche e ricreative grazie alla presenza di orti didattici, di un giardino d’inverno ed un parco musicale a supporto delle attività scolastiche e interdisciplinari. Il complesso accoglierà infatti non solo i nuovi spazi didattici ma anche un auditorium, una palestra e una biblioteca condivisi con la cittadinanza: la scuola diventerà cosi un vero e proprio centro civico, stabilendo una forte connessione con il quartiere e la città. Secondo le richieste di progetto e le direttive del piano nazionale del MIUR in merito alla Scuola digitale, nel plesso saranno messe in pratica nuove modalità didattiche, improntate all’utilizzo di sistemi tecnologici avanzati che prevedono l’adozione di contenuti digitali, condivisi e informatizzati.

L’attenzione alla sostenibilità si è tradotta in una particolare cura nella scelta di materiali di qualità e il cui processo di produzione, rispondendo a criteri di ecocompatibilità, sia nella natura intrinseca del materiale base che, in alcuni casi, del processo produttivo di realizzazione. Oltre alla ricercatezza del linguaggio formale e alla funzionalità, ha costituito criterio di scelta la possibilità di ottenere, da parte del produttore, certificati di ecocompatibilità rilasciati da enti certificatori riconosciuti. Grazie alle strategie passive messe in atto nello sviluppo del progetto architettonico, risulta ridotto il carico per il riscaldamento degli ambienti anche grazie alla produzione di energia mediante fonti rinnovabili.

*** contenuto sponsorizzato

 

La carta d’identità del progetto

Opera: Polo scolastico via Brocchi
Luogo: Milano

Committente: Comune di Milano
Tipologia d’incarico: appalto integrato
Progetto architettonico, strutture, impianti: ATIproject

Impresa: ARCO Lavori S.c.c.
Cronologia:
2016 – in cantiere

Dimensioni: 6.400 mq
Costo:  € 11.689.000
Web: youtu.be/cizfsGGRRkI

atiproject.com/project/brocchi-school-complex/

 

Chi è ATIproject

Dal 2011, ATIproject lavora nel campo dell’architettura e dell’ingegneria, promuovendo un’edilizia ecocompatibile e a impatto zero. È una realtà internazionale, dinamica e in crescita, che conta circa 200 collaboratori, distribuiti in 6 sedi, di cui 2 in Italia (Pisa e Milano), e 4 all’estero (Belgrado, Odense, Parigi e Ginevra), specializzata in servizi di progettazione integrata che sviluppa in ambiente BIM i settori disciplinari del design architettonico, Mep e strutturale, a tutti i livelli di approfondimento progettuale. L’interdipendenza degli ambiti e l’approccio sinergico adottato, garantiscono il valore aggiunto e le conoscenze che caratterizzano il ventaglio dei servizi offerti. Settori di punta sono il Tender Management di appalti pubblici e privati e il Project Management delle fasi progettuali e realizzative. Strumenti avanzati per la gestione e l’analisi delle varie tipologie di commesse concorrono all’ottimizzazione delle risorse impiegate, aumentando le capacità previsionali e incidendo in modo sostanziale sulle aggiudicazioni dei bandi: nel complesso, oltre 250 appalti vinti, per un totale di 1,5 miliardi di euro e percentuali di aggiudicazione superiori al 40%. L’investimento dei clienti ne ha permesso il consolidamento a livello di partnership, con riflessi evidenti sull’evoluzione dell’azienda.

(Visited 559 times, 1 visits today)

Pin It

Comments are closed.