Covid-19, un sondaggio tra i settori creativi

by • 27 Marzo 2020 • Design820

Share
La mappatura di Culture Action Europe per condividere le iniziative e misure di emergenza messe in atto nei vari paesi dell’Unione

 

BRUXELLES. In risposta alla pandemia di COVID-19 molti governi, consigli, fondazioni e attori privati ​​stanno contribuendo all’attuazione di nuove iniziative di emergenza: progettare misure di compensazione, riorganizzare i finanziamenti, combinare gli sforzi e condividere informazioni. Tutto questo per affrontare la crisi senza precedenti che ha colpito le nostre società e, in particolare, arte, cultura, patrimonio culturale e settori creativi. Culture Action Europe (CAE) ha chiesto all’Unione europea d’intraprendere azioni specifiche a sostegno dei settori culturali e creativi duramente colpiti dalla crisi.

Assieme a European Cultural Foundation (ECF), CAE sta mappando le iniziative e le misure di emergenza in tutta Europa (compensazioni, finanziamenti dedicati, sforzi congiunti o attori pubblici e privati, condivisione d’informazioni ecc.) per affrontare gli effetti della crisi di COVID-19. In molti paesi europei, dove tali misure non sono ancora state messe in atto, i settori culturali e creativi si sono mobilitati e hanno chiesto ai loro governi d’intraprendere azioni specifiche.

CAE chiede a tutti i soggetti interessati di partecipare al sondaggio compilando un breve questionario, finalizzato a ricevere notizie e aggiornamenti su tali iniziative, con lo scopo di riunire più risorse e condividerle ampiamente con diversi attori culturali in Europa (architettura e design sono chiaramente tracciate come aree dalle quali si attendono dati realistici relativi all’impatto e proposte per contrastare l’emergenza). Si prefigge, inoltre, di aiutare ECF nella progettazione di un nuovo servizio denominato “Cultura della solidarietà”. La compilazione del questionario richiede circa 10 minuti. Si consiglia di rispondere entro l’1 aprile 2020. La prima aggregazione dei risultati sarà resa disponibile a partire dal 2 aprile. L’invito, oltre a quello di restare sani e salvi, è quello di condividere ampiamente il sondaggio con colleghi, partner e membri di associazioni, distretti o fondazioni. Mai come ora il tempo a nostra disposizione è un tempo di solidarietà e condivisione.

(Visited 186 times, 1 visits today)

Pin It

Comments are closed.