Napoli, Corporea per dimenticare le fiamme

by • 21 marzo 2017 • Mosaico, Progetti1346

Share
A 4 anni dall’incendio che aveva distrutto Città della Scienza, inaugurato il Museo del corpo umano su progetto dello studio Pica Ciamarra Associati

 

NAPOLI. Frammento “necessario” di un insieme – Città della Scienza a Bagnoli tragicamente offesa, come del resto la stessa città e la cultura non solo italiana, dalla perdita del suo splendido Museo Vivo dolosamente incendiato il 4 marzo 2013, Corporea, 7 ettari di fronte all’isola di Nisida, è il primo museo interattivo in Europa interamente dedicato al tema della salute, delle scienze e tecnologie biomedicali e della prevenzione. Progettato, come l’intera città della Scienza cui appartiene, dallo Studio Pica Ciamarra Associati (PCA) è aperto dal 4 marzo 2017.

In una sintesi che ritengo necessaria, tra la molteplicità degli elementi che lo rendono un’architettura di grande rilevanza mi soffermo non su forma e linguaggio ma su un principio che, investendoli, integralmente lo innerva e che è il senso del fare dei PCA in tutto il loro lungo percorso. Per loro la città, come la musica, è un tutto e in essa, come in un brano musicale, ogni aspetto ed elemento deve relazionarsi all’altro. La sua vitalità si poggia dunque sulla relazione tra le cose, gli esseri umani, la città, il paesaggio. E il volere la condivisione comunitaria degli spazi crea gli intrecci, genera una complessità stimolante mirando a quel processo di lunga durata – l’integrazione – che quando avviene restituisce il vero senso della vita e quando manca genera la città malata.

Ciò che conseguentemente dà valore al progetto è una forma che deve trascendere se stessa ponendosi in dialogo con il contesto di cui fa parte. No quindi ad architetture autoreferenziali. Disgregano città ed esseri umani. Ecco quindi in Corporea, iniziato nel 2004, la prospettiva della sua forma che apre verso Monte Coroglio e il Parco della Rimembranza, e il suo entrare al centro che generando l’esperienza spaziale dalla posizione baricentrica fa conseguentemente cogliere, nella percorrenza, l’insieme e la totalità dando luogo ad un organismo architettonico a forte spessore, inclusivo e conviviale.

Immagine di copertina: © Fabio Donato


Tag


-

Pin It

One Response to Napoli, Corporea per dimenticare le fiamme

  1. […] il 4 marzo 2017, quattro anni dopo l’incendio sbloccando situazioni di altrettanto stallo, di Corporea primo Museo interattivo del corpo umano, a firma dello stesso studio PCA; e infine per le fiamme e i fumi che hanno invaso la notte come il […]