Nelle foto di Andric i muri respirano

by • 20 settembre 2016 • Reviews1243

Share
In mostra tra Milano e Venezia gli scatti del fotografo serbo Ljubodrag Andric, attento ai dettagli realistici degli edifici

 

In una singolare staffetta che unisce la Triennale di Milano e la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, lo scorcio dell’estate 2016 vede il fotografo Ljudobrag Andric come protagonista. L’artista serbo utilizza fotografie in grande formato che inquadrano frontalmente porzioni di superfici murarie, facciate, interni di edifici. Si tratta di composizioni astratte, liriche, assolute. Non documentano, non descrivono le città in cui sono state scattate, non raccontano il contesto né la conformazione degli spazi e delle architetture; i luoghi sono identificabili solo attraverso le didascalie, che riportano il nome della città o del paese e un numero: ad esempio “San Francisco 4”, “Miami 6”, “China 21” (nella foto di copertina, del 2012). Con attenzione realistica, le immagini rivelano i dettagli delle superfici e dei materiali nelle loro forme e imperfezioni, la stratificazione dei mattoni, il disfacimento dell’intonaco e le colature che, indirettamente, ci raccontano la storia e la vita della città e degli abitanti, al di qua e al di là dei muri.

 

Per_approfondire

Le mostre

Nell’ambito della XXI Triennale Esposizione Internazionale, presso il Palazzo dell’Arte a Milano è presentata una selezione di lavori recenti del fotografo Ljudobrag Andric, a cura di Demetrio Paparoni (“Ljubodrag Andric Works 2008-2016”) fino al 24 settembre. A Venezia fino al 2 ottobre la Fondazione Querini Stampalia presenta altri lavori di Andric negli spazi progettati da Carlo Scarpa (“Consonanze. Visioni e contaminazioni tra Oriente e Occidente in sintonia con Carlo Scarpa”, a cura di Francesca Valente).
Significativa la presenza dell’artista nel panorama milanese e italiano, con la partecipazione all’edizione 2016 della Bocconi Art Gallery, fino a fine dicembre, e la pubblicazione della monografia edita da Skira, presentata a maggio presso la Galleria Carla Sozzani.

Chi è Ljubodrag Andric

ljubodrag-andricNato a Belgrado nel 1965, proviene da una famiglia di artisti. Il suo interesse per la fotografia comincia a quindici anni. Studia letteratura all’Università di Belgrado, per poi dedicarsi interamente alla fotografia. Si trasferisce a Roma nel 1986 e diviene cittadino italiano nel 1989. Nel 2002 è a Toronto, dove tuttora risiede, avendo nel frattempo ottenuto la cittadinanza canadese. I suoi lavori fotografici in grande formato sono caratterizzati dall’assenza della figura umana e da una struttura formale che, nonostante l’attenzione al dettaglio realistico, affonda le radici in varie forme di astrazione geometrica. Uno dei tratti distintivi è la qualità tattile dell’immagine che fa pensare all’affresco; scelta che trova origine nel rapporto di familiarità mantenuto da Andric con la tradizione pittorica italiana.

Web: ljubodrag-andric.com


Pin It

Comments are closed.