A Bogotá torna a splendere il Colón «italiano»

by • 14 marzo 2012 • Città e Territorio417

Share

Sono trascorsi 120 anni dall’inaugurazione del teatro Cristóbal Colón, il 12 ottobre 1892. Fu progettato dall’architetto fiorentino Pietro Cantini su incarico ricevuto nel 1885 dalla presidenza della Repubblica Colombiana, nel quartiere della Candelaria lì dove precedentemente sorgeva il teatro Maldonado. Cantini si era trasferito in Colombia nel 1879 all’età di 22 anni per partecipare al progetto del nuovo palazzo del Governo e qui rimase per oltre 49 anni realizzando la maggior parte delle sue principali opere, tra cui il Colón. Al cantiere del teatro collaborarono anche altri connazionali tra cui Luigi Ramelli e Giovanni Menarini. Alla loro opera si devono infatti le principali decorazioni interne nonché il grande plafon della platea e gli ornamenti del foyer. Nel 1975 il teatro è dichiarato bene d’interesse culturale nazionale. Nel 2008, su progetto degli architetti Jairo González Arévalo, Max Ojeda Gómez (capogruppo), Camilo Humberto Torres e dell’ingegnere Fernando Ortiz Casas, hanno avuto inizio i restauri, con la supervisione della Dirección de patrimonio de mincultura. A fine 2011, dopo 3 anni d’intensi lavori, è stata completata la fase più complessa del restauro che ha previsto in prima istanza un dettagliato progetto diagnostico a cui ha fatto seguito il miglioramento sismico delle strutture, il perfezionamento visuale della platea, la ristrutturazione della galleria superiore e dei 74 palchi, la sostituzione degli impianti meccanici ed elettrici nonché il restauro di tutti i beni mobili, degli arredi e delle pitture murali. L’opera costata 12,7 milioni di pesos (5,5 milioni di euro) è stata finanziata dal ministero della Cultura e supervisionata dalla società d’ingegneria tedesca Bühnen Planung Walter Kottke Ingenieure, esperta mondiale nel settore. Come stabilito dalla commissione internazionale composta da Gero Zimmermann- Linder, Klaus Haarer e dall’esperto colombiano Francisco Vergara, la seconda e ultima fase riguarderà l’ammodernamento tecnologico dello scenario e dei suoi apparati meccanici. Anche questo lavoro sarà sostenuto dal ministero per un importo previsto di 15 milioni di pesos (6,4 milioni): conclusione prevista entro ottobre, quando il teatro verrà riaperto in occasione del 120° compleanno.


Pin It

Comments are closed.